• Richiesta informazioni

    Nome*

    Cognome*

    Professione

    Città

    Email *

    Autorizzo ai sensi del D.Lgs. 196/03 il trattamento dei dati personali
    trasmessi.*

  • F.A.Q.

    D Cosa fa Federculture e perché è vantaggioso associarsi?

    D Come posso associarmi a Federculture?

    D Non sono associato ma vorrei essere sempre aggiornato sulle vostre iniziative, come posso fare?

    D Sono un associato e vorrei promuovere un evento, potete aiutarmi?

    R Scopri tutti i nostri servizi e progetti nella sezione Attività

    R Consulta la pagina come associarsi e scarica la modulistica.

    R Lascia i tuoi riferimenti
    nella pagina Amici di Federculture entrerai nella nostra community

    R Sì, lo diffonderemo sui nostri canali. Invia tutto il materiale all'indirizzo email comunicazione@federculture.it

Coronavirus. Federculture: bene il decreto del Cdm, risposte ad alcune richieste del settore culturale

«Apprezziamo il grande impegno del governo nell’affrontare l’emergenza Coronavirus e lo sforzo messo in campo con il decreto “Cura Italia”, con cui il Consiglio dei ministri dimostra di aver prestato ascolto anche ad alcune delle richieste del mondo della cultura, dando prime risposte importanti alla situazione drammatica in cui versano le imprese e gli operatori del settore».

Questo il primo commento di Andrea Cancellato, presidente di Federculture, al decreto varato oggi nel quale, in attesa di analizzarne in dettaglio i contenuti, «si rileva favorevolmente la presenza di provvedimenti che tengono conto delle istanze che abbiamo rappresentato al Ministro Franceschini nelle interlocuzione di queste settimane. Tra questi, ad esempio, le indennità straordinarie per i lavoratori del turismo e della cultura; le misure di sostegno alle imprese culturali in termini di sospensione di versamenti tributari e contributivi e la trasformazione in voucher dei rimborsi previsti per biglietti per spettacoli, cinema, teatri, musei e altri luoghi della cultura.

Il momento è estremamente complesso per il Paese e drammatico per le imprese del settore culturale, che è tra i più colpiti dall’emergenza in atto, e per questo continueremo a vigilare e offrire il nostro contributo costruttivo al governo per una positiva soluzione della crisi.»