• Richiesta informazioni

    Nome*

    Cognome*

    Professione

    Città

    Email *

    Autorizzo ai sensi del D.Lgs. 196/03 il trattamento dei dati personali
    trasmessi.*

  • F.A.Q.

    D Cosa fa Federculture e perché è vantaggioso associarsi?

    D Come posso associarmi a Federculture?

    D Non sono associato ma vorrei essere sempre aggiornato sulle vostre iniziative, come posso fare?

    D Sono un associato e vorrei promuovere un evento, potete aiutarmi?

    R Scopri tutti i nostri servizi e progetti nella sezione Attività

    R Consulta la pagina come associarsi e scarica la modulistica.

    R Lascia i tuoi riferimenti
    nella pagina Amici di Federculture entrerai nella nostra community

    R Sì, lo diffonderemo sui nostri canali. Invia tutto il materiale all'indirizzo email comunicazione@federculture.it

Territori della Cultura. Speciale Ravello LAB 2017

E’ on-line il 30° numero di «Territori della Cultura», la rivista edita dal Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali di Ravello.

All’interno gli atti della 12a edizione di Ravello Lab “Sviluppo a base culturale. Governance partecipata per l’impresa culturale”, che si è svolta dal 19 al 21 Ottobre 2017.

Questo numero speciale della rivista in oltre 200 pagine e attraverso circa 36 interventi espone le risultanze dei due tavoli di lavoro che si sono svolti a Ravello – Pianificazione strategica, progettazione e valutazione e L’impresa culturale tra risultato economico e valore sociale – ai quali hanno preso parte attiva decine di esperti, amministratori e dirigenti del settore.

Sono innumerevoli le sollecitazioni emerse dai Colloqui e dalle due sessioni plenarie. Tra questi:

• il territorio come elemento centrale dell’osservazione e come luogo da stimolare nel quale sperimentare modelli di gestione delle risorse culturali, al fine di liberarne il potenziale di sviluppo e di nuova occupazione;

• l’aderenza alla strategia 2020 UE con programmi tesi a favorire un approccio integrato nella governance e nella valutazione del patrimonio culturale, a partire dall’esperienza dei Piani di Gestione Unesco, come autentica buona pratica cui ispirare la progettualità dei territori;

• la specifica attenzione all’impresa culturale che ha necessità di appropriati strumenti di valutazione e di rendicontazione (accountability) per restituire il complesso valore economico e sociale che la contraddistingue;

• la partecipazione dei cittadini alla Cultura, come nuova forma di cittadinanza attiva, in applicazione della Convenzione di Faro e nell’auspicio che questa venga al più presto ratificata dal Parlamento italiano.

La rivista può essere consultata on line attraverso «Quotidiano Arte, il Giornale del Patrimonio Culturale» o scaricata in formato pdf qui.