• Richiesta informazioni

    Nome*

    Cognome*

    Professione

    Città

    Email *

    Autorizzo ai sensi del D.Lgs. 196/03 il trattamento dei dati personali
    trasmessi.*

  • F.A.Q.

    D Cosa fa Federculture e perché è vantaggioso associarsi?

    D Come posso associarmi a Federculture?

    D Non sono associato ma vorrei essere sempre aggiornato sulle vostre iniziative, come posso fare?

    D Sono un associato e vorrei promuovere un evento, potete aiutarmi?

    R Scopri tutti i nostri servizi e progetti nella sezione Attività

    R Consulta la pagina come associarsi e scarica la modulistica.

    R Lascia i tuoi riferimenti
    nella pagina Amici di Federculture entrerai nella nostra community

    R Sì, lo diffonderemo sui nostri canali. Invia tutto il materiale all'indirizzo email comunicazione@federculture.it

Il Piano Strategico del Turismo, la declinazione sui Siti UNESCO

Venerdì 22 settembre a Siena, Francesco Palumbo – Direttore Generale del Turismo del MiBACT – presenterà il Piano Strategico del Turismo e dialogherà con i rappresentanti dei siti  italiani e stakeholders del comparto nel convegno “Il Piano Strategico del Turismo, la declinazione sui Siti UNESCO”.

La presentazione, organizzata e promossa dall’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO, si terrà alle ore 15.00 presso la Sala San Galgano del Complesso di Santa Maria della Scala in piazza del Duomo, nell’ambito del World Tourism Event – Salone del Turismo dei Siti UNESCO.

“Tra i principali obiettivi del Piano Strategico del Turismo (PST) c’è quello di qualificare, innovare, specializzare, integrare e rendere più sostenibile e competitiva l’offerta turistica del Paese, ampliando ed estendendo la proposta dei grandi attrattori e circuiti rappresentati da città d’arte, poli strategici e grandi siti. Attraverso l’abilitazione delle città metropolitane a divenire ‘Porte di accesso’ e gli interventi sulla mobilità dolce (cammini e ciclovie), vengono potenziati gli strumenti conoscitivi e di diffusione delle destinazioni limitrofe culturalmente collegate ai grandi attrattori.  – ha spiegato Francesco Palumbo, Direzione Turismo al MiBACT – In quest’ottica, assume particolare importanza la valorizzazione dei siti riconosciuti dall’UNESCO, in particolare quelli meno noti. Siti intesi non più e non solo come centri storici o complessi monumentali, ma come grandi paesaggi culturali. Per un’offerta complementare, per promuovere una nuova, diversa diffusione dei flussi turistici, anche in quelle aree non ancora coinvolte da grandi numeri ma che, con le loro eccellenze, concorrono ad incrementare nuove forme di turismo rendendo sempre più integrata l’offerta dei territori.”

Info: Rivista Siti Unesco